LAVORI REALIZZATI

“CENTRO DEL LIBRO TRIESTINO” 

COMPLETATO CANTIERE “CENTRO DEL LIBRO TRIESTINO”, IMMOBILE COMMERCIALE AD USO LIBRERIA INSERITA IN UN PROGETTO DI SVILUPPO DELLA LETTERATURA SLOVENA IN ITALIA E NELLO SPECIFICO A TRIESTE.

È stato inaugurato mercoledì 23 giugno il Centro TS 360 Trzasko knjizno sredisce-Centro triestino del Libro. La nuova libreria, situata nelle immediate vicinanze della sede del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, apre i battenti a un anno di distanza dalla chiusura della Libreria triestina. Oltre ad offrire libri, testi scolastici, carte geografiche ed oggetti d’artigianato, il Centro svolgerà anche attività culturali e promozionali di opere di autori sloveni e italiani. L’intervento, costato 250 mila euro, è frutto dell’accordo di collaborazione tra le autorità slovene, le Associazioni apicali (Skgz e Sso) e le case editrici (Editoriale stampa triestina e Mladika) della minoranza slovena in Italia. L’acquisto dei locali da parte dell’imprenditore Vanja Lokar è stato fondamentale per l’apertura dell’attività. Ricordando come la Regione ha seguito “con attenzione” la vicenda della riapertura della libreria, l’assessore Torrenti, complimentandosi con i progettisti, gli architetti Edvard Blazko, Ales Plesnicar e Igor Spetic, ha evidenziato che la regione parteciperà con una serie di iniziative condivise all’attività culturale della libreria. 

Lo "Studio Ingegneria e Dintorni" a fianco degli architetti capo commessa si è occupato della progettazione di tutti gli impianti tecnologici del centro del libro.

 

Abbiamo realizzato la progettazione definitiva ed esecutiva e la redazione dei computi metrici per la realizzazione degli impianti elettrici di potenza ed illuminazione, impianto climatizzazione e ricambio aria con recupero del calore. 


Grazie al sitena DALY sarà possibile ricreare un’atmosfera particolare a seconda dell’evento che ospita la libreria.

Ad esempio durante la presentazione di un determinato libro (giallo, horror, fumetto ecc..) sarà possibile ricreare lo scenario giusto, tale da riportare il pubblico in ambiente simile a quello ambientato nel libro.

L’impianto elettrico è alimentato da una fornitura elettrica trifase avente potenza impegnata di 10 kW, la quale alimenta oltre all’impianto di illuminazione, anche le prese di servizio e l’impianto di climatizzazione con pompa di calore. 

Al fine di garantire la continuità di servizio evitando l’intervento del dispositivo limitatore del distributore (ACEGAS), con l’obbiettivo di ridurre i consumi 

Per l’impianto di illuminazione si è adottato il sistema “DALY”, il quale mette in comunicazione i diversi controlli, sensori, apparecchi di comando, alimentatori elettronici, lampade e gli altri componenti che compongono l'impianto di illuminazione, consentendo il loro funzionamento in comune.

In questo modo l’accensione di determinate lampade o la regolazione del flusso luminoso, consente la creazione di “scenari” diversi a seconda della specifica zona dei locali interessati. 

energetici, è stato svolto uno specifico studio della distribuzione dei carichi, cercando di utilizzare componenti a basso consumo, in modo tale da non creare scompensi nell’impianto elettrico.


L’impianto di climatizzazione, come detto, è alimentato da un sistema pompa di calore aria-aria tipo VRV Daikin composta da una unità interna, una unità interna ventilante per la climatizzazione estiva ed invernale e un recuperatore di calore a flussi incrociati con batteria per integrare riscaldamento e raffrescamento. 

La climatizzazione dei locali è ad aria canalizzata per la distribuzione uniforme nei locali tramite bocchette a soffitto e riprese a pavimento per garantire un corretto “lavaggio” dei locali. L’impianto garantisce il controllo della temperatura e dell’umidità.